Blog

App per delivery e take away per il tuo ristorante

Anche il mondo del commercio (e soprattutto della ristorazione) sta diventando mobile e la domanda di applicazioni di pubblica utilità è aumentata notevolmente negli ultimi anni. Soprattutto nel periodo di lockdown, molte persone si sono servite delle App per Delivery per ordinare cibo a domicilio o per prenotare un tavolo al ristorante o nei pub. Uno di questi settori, che è stato completamente trasformato dal mondo digitale, è stato il servizio di consegna di cibo a domicilio. Le app di consegna di cibo come l’App Mobee soddisfano le voglie di milioni di persone e assecondano i gusti dei clienti.

I tuoi clienti, grazie ad App come quella di Mobee, non devono fare i conti con le opzioni limitate di ristoranti che forniscono consegne di cibo da asporto ma avranno a disposizione l’App del tuo Ristorante e potranno ordinare il cibo quando vogliono e dove vogliono. Tutto questo migliora la gestione del ristorante o della pizzeria e aiuta a superare il momento di crisi dei ristoranti intercettando la domanda degli utenti via App o online.

La consegna di cibo a casa su richiesta non è un fenomeno nuovo; inizialmente, le persone chiamavano i ristoranti per telefono e ordinavano per ricevere il tutto comodamente a casa. Basta pensare che negli Usa, nel 2011, il numero di ordini di cibo effettuati tramite telefono hanno sommato un fatturato da capogiro pari a 11 miliardi di dollari. Negli anni a seguire anche in Italia è diventata trendy la moda di ordinare cibo a domicilio.

 

Le caratteristiche dell’App Mobee

Una delle App più gettonate da giovani e meno giovani è proprio l’App Mobee. Uno strumento prezioso non solo per rilanciare il business della ristorazione (oggi attanagliato da una crisi senza precedenti a causa della pandemia), ma anche per i clienti che possono fruire di un servizio sempre puntuale e impeccabile. L’emergenza pandemica ha rilanciato soprattutto il comparto legato al sistema dell’asporto che molti gestori sviluppano grazie al ricorso ad app di successo riservate al delivery e al take away. Mobee rappresenta una soluzione ideale per i ristoratori proprio perchè consente agli esercenti di poter personalizzare la proria pagina e utilizzarla come se fosse una vera e propria vetrina digitale attraverso la quale far conoscere la propria offerta, il menù digitale, le promozioni e i prezzi.

 

Una app comoda e personalizzabile per i ristoratori

L’app Mobee consente all’utente di poter consultare, stando comodamente seduto in poltrona, il menù digitale proposto dal tuo ristorante. Puoi personalizzare in ogni pagina dedicata ai singoli ristoranti sono contenuti i loghi, i menù e le offerte proposte. Ogni operatore commerciale potrà gestire la propria pagina personalizzata in modo assolutamente autonomo, scegliendo accuratamente le foto dei piatti da mostrare e le varie promozioni da proporre ai clienti. L

Per fruire del servizio il ristorare dovrà pagare un canone che rimane fisso indipendentemente dai costi dei menù ordinati e dagli incassi realizzati. Ecco perchè l’App Mobee è una delle più gettonate dagli operatori del settore. Chi ha usato quest’app ha riscosso bei successi e ha ottenuto una visibilità notevole dei propri menù e del proprio locale. Fra l’altro l’operatore commerciale potrà anche selezionare l’opzione di proprio gradimento tra tre piani tariffari orientati in base al livello dei servizi prescelti.’utente che ordina il menù può anche decidere se pagare online con carta di credito oppure se pagare direttamente al consegnatario o al ristoratore in caso di take away.

 

Come Scaricare l’App Mobee su iOS e Android

La tua App personalizzata da Mobee per il delivery e il take away può essere scaricata gratis da AppStore per iOs o Android Store. Infatti esistono più versioni sia per i dispositivi Android che iOS. Dopo il download si procede all’identificazione mediante conferma via e-mail o via SMS. La presenza di un feed aggiornato consentirà agli utenti di poter visualizzare tutte le offerte last minute.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Altri
articoli